Come stabilire la qualità delle casse stereo: caratteristiche tecniche e dettagli

La musica oggi

La musica ad oggi è la nostra compagna in ogni momento, quando lavoriamo, studiamo, quando corriamo o facciamo in generale sport, quando vogliamo rilassarci o caricare il nostro umore. La musica possiamo portarla sempre con noi, cosa un tempo impensabile, se ricordiamo come si poteva ascoltare tramite soltanto i giradischi. Questi sicuramente avevano un fascino incredibile, e la musica aveva un sapore differente. Ma sicuramente non potevamo ascoltarla mentre ci si spostava, in auto oppure a piedi.

Con la nascita dei primi mini giradischi, se così possiamo dire, tutto cambia, avviene una rivoluzione musicale. Potevamo andare anche in giro con questo apparecchio della Sony, dove giravano i nostri dischi preferiti, c’era un tasto play uno per stoppare e l’ingresso per le cuffie e i pulsanti per volume e andare avanti o indietro.

Anche oggi questo momento è visto come la preistoria, visto che abbiamo dispositivi dalla tecnologia avanzatissima che racchiudono dentro tantissimi GB di memoria musicale.

Soprattutto in questo periodo di piena digitalizzazione, in realtà sono le app ad andare per la maggiore, come ad esempio la famosissima Spotify, la quale è accessibile da Ipad, Tablet, smartphone e dispositivi analoghi.

Però ora siamo arrivati ad un’altra fase ancora, in cui nemmeno i dispositivi più digitali dei marchi più buoni vengono usati per la musica, ci basta il cellulare con Youtube oppure Spotify e siamo apposto.

La musica senza cuffiette, da portare sempre con noi

Ma ovviamente la musica non è solo quella che tutti ascoltiamo tramite le cuffie, ma anche attraverso le casse. Ad oggi sono tantissime le casse portatili dal suono incredibile che vengono portate ovunque, per esempio sulla spiaggia, quindi al mare, ad una festa, in giro e via dicendo.

In questo modo la musica anche può essere sempre con noi, in ogni momento, ma dobbiamo sapere ovviamente a quali marchi affidarci per avere un’ottima qualità del prodotto.

Come possiamo stabilire la qualità delle casse?

La qualità può essere stabilita in base a diversi parametri che elencherò qui di seguito:

suono caldo e avvolgente, mai stridulo e freddo, bassi ben definiti ma non fastidiosi, nessun suono sporco se il volume si alza al massimo, ma suono sempre limpido in cui riconoscere le varie componenti audio, il prezzo di solito è indice di qualità dei materiali e della sonorità di conseguenza, ma questo non è un parametro sempre valido che può essere preso in ogni caso in considerazione, materiali buoni, magari legno, considerazione del marchio, tra cui Sony e JBL per spese non troppo ingenti, oppure Marshall e Bose per avere invece prodotti più buoni, di qualità ancora superiore, durata della batteria, la batteria dovrebbe durare con uso medio almeno un giorno.

Questi in linea generali sono i punti che dovrebbero essere rispettati quando  dobbiamo valutare la qualità del prodotto.

In ogni caso bisogna affidarci a delle marche ottime per sapere già da subito che questi punti verranno rispettati, come accennavo prima, in questo modo spesso andiamo sul sicuro.

Altre cose da sapere

Una cassa inoltre è di alta qualità quando tiene bene per così dire, ogni tipo di canzone, deve saper soddisfare qualsiasi esigenza di suono, che si tratti di una canzone pop oppure house o di musica classica. Qua abbiamo davanti davvero una cassa di qualità, la riproduzione deve essere abbastanza fedele al reale e con ogni timbro, tonalità, genere di musica.

Ancora, una cassa non deve vibrare troppo quando il volume è alto, la vibrazione deve essere scaricata per bene ovunque sia, tramite pavimento magari attraverso un sostegno, oppure disperdersi bene nell’ambiente circostante.

La cosa è molto importante, perché se la cassa inizia a vibrare il suono verrà sporcato e la cosa in casi estremi può essere davvero fastidiosa, soprattutto quando questa “gracchia”.

Motivo per cui il suono esce male

Il suono però alle volte esce male, non perché la qualità è cattiva del prodotto, ma perché magari questo non è stato curato bene. Ci deve essere sempre una manutenzione, soprattutto quando non usiamo quel prodotto per troppo tempo, esponendolo ad un inevitabile accumulo di polvere. La polvere è uno dei nemici più acerrimi delle casse, in quanto può infiltrarsi ovunque compromettendo in alcuni casi molto il funzionamento corretto dell’apparecchio. La corrente che deve passare magari trova un intoppo di polvere, questo attutisce la forza della carica elettrica, quell’energia che deve essere tradotta in energia sonora o acustica.

Un altro motivo, o meglio un’altra causa di mal fuoriuscita del suono potrebbe essere l’umidità. Infatti essendo una cassa un articolo meccanico ed elettrico, questo non deve essere esposto all’umidità come nemmeno ad una fonte di calore troppo elevata.

Per evitare queste situazioni fastidiose e che possono danneggiare anche di molto le nostre casse, dobbiamo assolutamente pulire le nostre casse e metterle in un ambiente adatto, che sia asciutto e non troppo freddo né troppo caldo. 

Per pulire le casse basta usare un panno di pelle di daino, questo è consigliato perché fa si che la polvere non venga più di tanto attirata, ma possiamo anche usare un semplice panno di stoffa pulito e leggermente inumidito. Ancor meglio usare, come quando dobbiamo pulire un cellulare, un panno in microfibra.

Invece per quanto riguarda l’umidità, questa può essere combattuta nel caso non potessimo cambiare la localizzazione delle nostre casse, comprando e quindi usando un deumificatore, magari a prezzo anche scontato. Se poi preferiamo per risparmiare è possibile ovviamente anche crearlo fai da te, basta avere una bottiglia di plastica e del sale. Ne possiamo creare più di uno se l’umidità è molta.

In ogni caso esistono casse più o meno sensibili, quindi se non abbiamo ambienti adatti sarebbe meglio rinunciare a comprarli, o dovremmo fare molta manutenzione.

Prezzi per casse di qualità

Le casse, sono di vari modelli, con caratteristiche specifiche, anche il prezzo è un aspetto che cambia abbastanza. Anche se potremmo dire alla fine che in generale per avere casse di qualità, bisogna sicuramente spendere sopra i circa 200 euro. Poi ovviamente per un uso professionale le cifre sono davvero molto alte, ma la cosa si buon capire dalle aspettative che vi sono a monte.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
sceltacassestereo.it